'Per Volere del Padre'

con

Marcella Mancini, Giusy Zaccagnini, Maria Zamponi

musicisti

Giacomo De Lio e Raffaele Schettino

assistente alla regia

Raffaele Schettino

riadattamento e regia

Stefano Tè

foto

 

Dal 25 al 28 marzo 2004, al Teatro Furio Camillo, via Camilla 44, Roma e il 6 e 7 aprile 2004 al Teatro del Lido di Ostia (RM), via delle Sirene 22, tel. 0656339753, il Teatro Internato presenta il suo nuovo spettacolo liberamente ispirato alle 'Tre sorelle' di Anton Cechov, in occasione del centenario dalla morte dell'artista, all'interno della rassegna 'Checov, lungo un anno', patrocinata dal Comune di Roma.

Tre attrici e due musicisti (chitarra e fisarmonica) portano in scena la suggestione, l'attesa, il rimpianto rapito tra le righe del testo esaminato. Uno spaccato della società russa di fine ‘800. L'aristocrazia in decadenza attende senza soluzione il proprio punto di svolta e l'attesa diviene il principale binario della sua esistenza.
Irina, Maša, Ol'ga, Nataša, Tuzenbach, Solionyi, Anfisa, Andrej, Cebutykin: il lavoro di ogni artista coinvolto nel progetto sintetizza le diverse anime di casa Prozorov, le relazioni, i desideri, le precarietà.

Danza, canto, musica e narrazione si fondono per caratterizzare una messa in scena scarna e paradossale, pigra e capricciosa: schizofrenia verso l'estinzione.